Gaudium news > Ada, 104 anni, sconfigge il coronavirus e torna a recitare il rosario

Ada, 104 anni, sconfigge il coronavirus e torna a recitare il rosario

Non appena è guarita, nonna Ada è tornata a recitare il rosario.

Redazione (26/06/2020 18:25, Gaudium Press) Sappiamo bene che l’epidemia diventata pandemia mondiale, ha causato in Italia migliaia di morti, più della Cina ma grazie a Dio ci sono state anche molte guarigioni, tra i guariti, una nonnina di 104 anni, Ada, che ha visto nella sua vita due guerre ed è riuscita a sconfiggere la sua guerra personale, quella contro il coronavirus da cui è stata colpita.

Ada Zanusso, vive nella casa di riposo di Lessona, nel Biellese, un centro di anziani che è stato flagellato da una ventina di decessi, e purtroppo di queste stragi, il covid- 19 ne ha provocate tante.

La nonnina è originaria del Veneto, nel 1947 si è trasferita in provincia di Biella, con il marito e i primi due dei quattro figli. E’ stata sempre autonoma e in salute, ma dopo essersi rotta il femore alcuni anni fa, ha preferito essere ospite nella struttura residenziale, Residenza Maria Grazia, gestita dalla fondazione Cerino Zegna a Lessona.

Il figlio Giampiero, racconta al Corriere della Sera: «a inizio marzo è stata male – Aveva febbre e vomito. Non sono riuscito ad andare a trovarla perché le visite erano vietate per il coronavirus, ma sono riuscito a sentirla ogni giorno al telefono e anche a farle delle videochiamate. Naturalmente ho subito sospettato che potesse trattarsi di coronavirus poiché nella casa di riposo c’erano già stati diversi contagi».

Il 17 marzo Ada viene sottoposta al tampone, qualche giorno dopo il risultato è positivo: «Ma a quel punto mia madre stava decisamente bene, si era già ripresa – continua il figlio – quindi la preoccupazione che c’era inizialmente, quando aveva passato una settimana di crisi, paradossalmente era già svanita quando ho saputo che era stata infettata dal coronavirus. Ha ricominciato a leggere e a recitare il rosario».

Il medico di base di nonna Ada, la dottoressa Carla Furno Marchese ha detto: «Si alza già dal letto e si mette sulla sedia. E non ha perso nulla della sua lucidità e della sua intelligenza. La sua guarigione è una grande gioia e una ricompensa per tutti coloro che l’hanno accudita in questi giorni difficili».

Sono arrivati per nonna Ada anche i saluti del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, il quale ha detto: “Di nonna Ada, se ne ricordano eccome, regalandole una vita lunga, piena di salute, e con figli e nipoti accanto. Un grande abbraccio a questa signora meravigliosa dal suo Veneto!”.

L’augurio di guarigione si estende a tutti i malati del covid-19 affinchè dopo la battaglia possano conquistare e vincere la gloria! (Rita Sberna)

lascia il tuo commento

Notizie correlate