Gaudium news > Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi

Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi

14 MAGGIO 2021

SAN MATTIA, APOSTOLO

San Mattia, Apostolo

Gv 15,9-17

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.

Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Commento:

Amare gli altri, come Lui ha amato noi. Ecco la novità della legge evangelica. Ma è possibile metterla in atto?

***

Sì, è possibile! Se il Signore lo comanda, è fattibile, altrimenti il Signore non ci avrebbe detto la verità, il che è un assurdo.

Ma in cosa consiste amare gli altri come Lui ci ha amato? San Giovanni lo dice in poche parole, ma molto efficaci: “Da questo abbiamo conosciuto l’amore: Egli ha dato la sua vita per noi; quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli”. Ecco in cosa consiste dare la vita per i fratelli: “Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità”.

Ossia adoperandoci a servire i fratelli, a preoccuparci per le loro necessità materiali ma soprattutto spirituali, donando noi stessi per il bene altrui, ma, comunque e sempre, nella verità, cioè, nell’ortodossia cattolica. Il nostro amore non è un vago sentimento filantropico, né è frutto dell’ideologia socialista o comunista. L’amore di un cattolico verso il prossimo è basato sulla verità. E per amore alla verità ed ai fratelli dobbiamo essere disposti a dare la vita, come hanno fatto tante madri costrette dai medici all’aborto, che hanno preferito morire anziché pregiudicare il futuro nascituro: Santa Elisabetta Beretta Mola, Chiara Corbella e tante altre. Ma non solo. Ricordiamo pure i pastori santi e fedeli che hanno affrontato anni di carcere – come succede tuttora nella Cina comunista – per aver difeso il loro popolo dai lupi.

Amore nella verità, verità nell’amore, ecco la strada della santificazione dei cattolici a immagine di Gesù, che ci amò fino a dare la vita per noi.

 

lascia il tuo commento

Notizie correlate