Gaudium news > Fine stato di emergenza Covid 19: nuovi orientamenti e suggerimenti per le celebrazioni della Settimana Santa

Fine stato di emergenza Covid 19: nuovi orientamenti e suggerimenti per le celebrazioni della Settimana Santa

La Presidenza CEI ha pubblicato una lettera sulla fine dello stato di emergenza Covid 19, contenente suggerimenti e consigli per le celebrazioni liturgiche che riguardano i riti della Settimana Santa.

Rita Sberna (30.03.2022 09:47, Gaudium Press)La fine dello stato di emergenza Covid 19 offre la possibilità di una prudente ripresa. In seguito allo scambio di comunicazioni tra Conferenza Episcopale Italiana e Governo Italiano, con decorrenza 1° aprile 2022 è stabilita l’abrogazione del Protocollo del 7 maggio 2020 per le celebrazioni con il popolo.

Consigli e suggerimenti della CEI

  • obbligo di mascherine: il DL 24/2022 proroga fino al 30 aprile l’obbligo di indossare le mascherine negli ambienti al chiuso. Pertanto, nei luoghi di culto al chiuso si acceda sempre indossando la mascherina;
  • distanziamento: non è obbligatorio rispettare la distanza interpersonale di un metro. Si predisponga però quanto necessario e opportuno per evitare assembramenti specialmente all’ingresso, all’uscita e tra le persone che, eventualmente, seguono le celebrazioni in piedi;
  • igienizzazione: si continui a osservare l’indicazione di igienizzare le mani all’ingresso dei luoghi di culto;
  • acquasantiere: si continui a tenerle vuote;
  • scambio di pace: è opportuno continuare a volgere i propri occhi per intercettare quelli del vicino e accennare un inchino, evitando la stretta di mano o l’abbraccio;
  • distribuzione dell’Eucaristia: i Ministri continueranno a indossare la mascherina e a igienizzare le mani prima di distribuire l’Eucaristia preferibilmente nella mano;
  • sintomi influenzali: non partecipi alle celebrazioni chi ha sintomi influenzali e chi è sottoposto a isolamento perché positivo al COVID-19;
  • igiene ambienti: si abbia cura di favorire il ricambio dell’aria sempre, specie prima e dopo le celebrazioni. Durante le stesse è necessario lasciare aperta o almeno socchiusa qualche porta e/o finestra. I luoghi sacri, comprese le sagrestie, siano igienizzati periodicamente mediante pulizia delle superfici con idonei detergenti;
  • processioni: è possibile riprendere la pratica delle processioni.

Orientamenti per le celebrazioni della Settimana Santa

Si esortano i fedeli a partecipare di persona alle celebrazioni della Settimana Santa anche se lo streaming delle celebrazioni presiedute dal Papa, verrà trasmesso ugualmente da Tv 2000 e radio In blu.

Gli orientamenti sono i seguenti:

  1. la Domenica delle Palme, la Commemorazione dell’ingresso di Gesù a Gerusalemmesia celebrata come previsto dal Messale Romano. Si presti però attenzione che i ministri e i fedeli tengano nelle mani il ramo d’ulivo o di palma portato con sé, evitando consegne o scambi di rami.
  2. il Giovedì Santo, nella Messa vespertina della “Cena del Signore”, per il rito della lavanda dei piedi ci si attenga a quanto prescritto ai nn. 10-11 del Messale Romano (p.138). Qualora si scelga di svolgere il rito della lavanda dei piedi si consiglia di sanificare le mani ogni volta e indossare la mascherina.
  3. il Venerdì Santo, tenuto conto dell’indicazione del Messale Romano (“In caso di grave necessità pubblica, l’Ordinario del luogo può permettere o stabilire che si aggiunga una speciale intenzione”, n. 12), il Vescovo introduca nella preghiera universale un’intenzione “per quanti soffrono a causa della guerra”. L’atto di adorazione della Croce, evitando il bacio, avverrà secondo quanto prescritto ai nn. 18-19, del Messale Romano (p. 157).
  4. la Veglia pasqualepotrà essere celebrata in tutte le sue parti come previsto dal rito.

Gli orientamenti sopra citati sono validi per collegi sacerdotali, seminari, monasteri e comunità religiose.

lascia il tuo commento

Notizie correlate