Gaudium news > Il buon catechista secondo Papa Francesco

Il buon catechista secondo Papa Francesco

Pubblicato il nuovo Motu Proprio “Antiquum ministerium”, un ministero a cui sono chiamati uomini e donne.

Rita Sberna (12.05.2021 15:03, Gaudium Press) Papa Francesco ha istituito il ministero laicale del catechista ed ha firmato un nuovo Motu Proprio dal titolo Antiquum ministerium. E’ suddiviso da undici paragrafi, ed il documento traccia tutto ciò che secondo Papa Francesco, un catechista deve avere: dal primo annuncio all’istruzione, per poi passare alla formazione.

Papa Francesco, nella Lettera apostolica dice: “Il catechista è nello stesso tempo testimone della fede, maestro e mistagogo, accompagnatore e pedagogo che istruisce a nome della Chiesa. Un’identità che solo mediante la preghiera, lo studio e la partecipazione diretta alla vita della comunità può svilupparsi con coerenza e responsabilità”.

Addio ai catechisti “fai da te”

Nel Motu proprio si legge: “Questo ministero possiede una forte valenza vocazionale che richiede il dovuto discernimento da parte del Vescovo e si evidenzia con il Rito di istituzione. Esso, infatti, è un servizio stabile reso alla Chiesa locale secondo le esigenze pastorali individuate dall’Ordinario del luogo, ma svolto in maniera laicale come richiesto dalla natura stessa del ministero”.

“E bene che al ministero istituito di catechista siano chiamati uomini e donne di profonda fede e maturità umana, che abbiano un’attiva partecipazione alla vita della comunità cristiana, che siano capaci di accoglienza, generosità e vita di comunione fraterna, che ricevano la dovuta formazione biblica, teologica, pastorale e pedagogica per essere comunicatori attenti della verità della fede, e che abbiano già maturato una previa esperienza di catechesi. E richiesto che siano fedeli collaboratori dei presbiteri e dei diaconi, disponibili a esercitare il ministero dove fosse necessario, e animati da vero entusiasmo apostolico”.

La funzione del catechista

Nel testo integrale del Motu Proprio viene specificata quale debba essere la funzione peculiare svolta dal Catechista: “Il Catechista, infatti, è chiamato in primo luogo a esprimere la sua competenza nel servizio pastorale della trasmissione della fede che si sviluppa nelle sue diverse tappe: dal primo annuncio che introduce al kerygma, all’istruzione che rende consapevoli della vita nuova in Cristo e prepara in particolare ai sacramenti dell’iniziazione cristiana, fino alla formazione permanente che consente ad ogni battezzato di essere sempre pronto «a rispondere a chiunque domandi ragione della speranza» (1 Pt 3,15). Il Catechista è nello stesso tempo testimone della fede, maestro e mistagogo, accompagnatore e pedagogo che istruisce a nome della Chiesa. Un’identità che solo mediante la preghiera, lo studio e la partecipazione diretta alla vita della comunità può svilupparsi con coerenza e responsabilità (cfr Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, Direttorio per la Catechesi, 113)”.

lascia il tuo commento

Notizie correlate