Gaudium news > Il Vangelo in tre cartelli con fra Emiliano Antenucci

Il Vangelo in tre cartelli con fra Emiliano Antenucci

Fra Emiliano Antenucci, Rettore del Santuario della Vergine del Silenzio ha affisso tre cartelli: “Non sparlare, non lamentarsi, non comandare”.

 

Rita Sberna (10.07.2021 10:29, Gaudium Press) Presso il santuario della Vergine del Silenzio ad Avezzano (L’Aquila) fra Emiliano Antenucci ha affisso come se fossero delle tavole della legge tre cartelli: Primo: “Non sparlare degli altri”. Secondo: “Vietato lamentarsi”. Terzo: “Non comandare” che aiutano i cristiani ma non solo, a vivere meglio.

Fra Emiliano Antenucci è sacerdote dell’ordine dei Cappuccini e Rettore del Santuario. Questi cartelli sono molto vicini alla spiritualità di Papa Francesco, che non a caso con fra Emiliano coltiva un rapporto di amicizia profonda e di stima.

Il Vangelo in tre cartelli

Queste tre regole, in fin dei conti circolano da sempre nella Chiesa: la prima “Non sparlare degli altri” è quasi un riassunto della predicazione del Papa; la seconda “Vietato lamentarsi” è affissa anche sulla porta dello studio del Papa; il terzo cartello “Vietato comandare” è l’ultimo come ordine di tempo.

Il frate racconta che questo terzo cartello gli è venuto in mente qualche giorno fa, mentre celebrava l’Eucarestia: «Mi torna in mente una frase di don Tonino Bello, che in più occasioni il Papa ha voluto riprendere: “chi non vive per servire, non serve per vivere”. Guai a dimenticare che la Chiesa è un’esperienza di servizio e non di potere». Eppure siamo umani, troppo umani, a volte. «Così, un po’ a tutti i livelli, tra i religiosi come tra i laici, si cerca di affermare il proprio piccolo privilegio, di esprimere, in un modo o nell’altro, la propria superiorità sugli altri. Ma Gesù ci ha chiamati amici e ci ha indicato la via del servizio per essere felici. E proprio questo che la Chiesa dovrebbe essere: un’assemblea di amici, non un palcoscenico per i vip».

La reazione dei fedeli ai cartelli affissi sulla porta

Fra Emiliano racconta: «All’inizio con un po’ di sorpresa, però bene. Mi auguro che queste regole possano aiutare tutti, me compreso, a riscoprire l’idea di Chiesa come ospedale da campo, anzi come farmacia, che ci aiuta a guarire dai nostri piccoli e grandi veleni, per andare incontro, con serenità, al Signore che ci vuole felici».

“Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio. Bisogna custodire la gente, aver cura di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini, dei vecchi, di coloro che sono più fragili e che spesso sono nella periferia del nostro cuore.” Papa Francesco

lascia il tuo commento

Notizie correlate