Gaudium news > Il Vaticano dice NO alla Benedizione delle coppie omosessuali

Il Vaticano dice NO alla Benedizione delle coppie omosessuali

A parlare è la Dottrina della Fede attraverso un “Responsum” rispondendo ad un “dubium” successivamente approvato da Papa Francesco.

Rita Sberna (16.03.2021 09:00, Gaudium Press) Attraverso un “Responsum della Congregazione per la Dottrina della Fede ad un dubium circa la benedizione delle unioni di persone dello stesso sesso” il Vaticano dice ufficialmente No alla Benedizione delle coppie omosessuali, Papa Francesco ha dato il suo assenso per la “Nota Esplicativa” allegata al “Responsum”. Ecco cosa dice la dicitura di esso:

AL QUESITO PROPOSTO:

La Chiesa dispone del potere di impartire la benedizione a unioni di persone dello stesso sesso?

SI RISPONDE:

Negativamente.

In una parte della Nota Esplicativa viene evidenziato che: «in alcuni ambiti ecclesiali si stanno diffondendo progetti e proposte di benedizioni per unioni di persone dello stesso sesso. Non di rado, tali progetti sono motivati da una sincera volontà di accoglienza e di accompagnamento delle persone omosessuali. Alle quali si propongono cammini di crescita nella fede, “affinché coloro che manifestano la tendenza omosessuale possano avere gli aiuti necessari per comprendere e realizzare pienamente la volontà di Dio nella loro vita”».

La Benedizione è un “Sacramentale”

Il Vaticano non è contrario a benedire la singola persona che “manifesta di vivere in fedeltà i disegni di Dio nella sua vita”.

La Nota Esplicativa parla anche dei “sacramentali” dicendo che sono «segni sacri per mezzo dei quali, con una certa imitazione dei sacramenti, sono significati e, per impetrazione della Chiesa, vengono ottenuti effetti soprattutto spirituali. Per mezzo di essi gli uomini vengono disposti a ricevere l’effetto principale dei sacramenti e vengono santificate le varie situazioni della vita».

Ciò significa che ciò che viene “benedetto” deve essere in ordine e in linea con la grazia in funzione dei disegni e della volontà di Dio.

Il Vaticano spiega il suo NO

Nella Nota Esplicativa, la Congregazione della Dottrina della Fede motiva il suo No alle benedizioni di coppie omosessuali: «non è lecito impartire una benedizione a relazioni, o a partenariati anche stabili, che implicano una prassi sessuale fuori dal matrimonio (vale a dire, fuori dell’unione indissolubile di un uomo e una donna aperta di per sé alla trasmissione della vita), come è il caso delle unioni fra persone dello stesso sesso».

Non esiste alcuna relazione con il matrimonio tradizionale tra uomo e donna

Nella nota si continua a leggere: «poiché le benedizioni sulle persone sono in relazione con i sacramenti, la benedizione delle unioni omosessuali non può essere considerata lecita, in quanto costituirebbe in certo qual modo una imitazione o un rimando di analogia con la benedizione nuziale, invocata sull’uomo e la donna che si uniscono nel sacramento del Matrimonio, dato che “non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppur remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia“».

lascia il tuo commento

Notizie correlate