Gaudium news > La compagnia di assicurazioni lancia l’allarme per un aumento senza precedenti dei decessi… e non sembrano essere da COVID

La compagnia di assicurazioni lancia l’allarme per un aumento senza precedenti dei decessi… e non sembrano essere da COVID

Potrebbe essere la terapia genica sperimentale, ovvero, i vaccini?

Rita Sberna (09.01.2022 08:19, Gaudium Press) – Nuovi numeri dall’India potrebbero finalmente essere sufficienti per far esplodere la verità del vaccino genetico “sicuro ed efficace” una volta per tutte. E provengono, non a caso, dal capo di un’azienda che rischia di perdere un sacco di soldi a causa di un picco improvviso, inaspettato e storicamente senza precedenti di decessi e disabilità tra individui sani nel fiore degli anni. La storia originale viene da Margaret Menge ed è intitolata “Il CEO dell’assicurazione sulla vita dell’India afferma che i decessi sono aumentati del 40% tra le persone di età compresa tra 18 e 64 anni”.

In una conferenza stampa virtuale tenutasi il 30 dicembre, il presidente e amministratore delegato della compagnia assicurativa OneAmerica con sede a Indianapolis, Scott Davison, ha rilasciato alcuni numeri che suggeriscono che una catastrofe impensabile è in arrivo.

Si noti che OneAmerica non è una preoccupazione minore: ha 2.400 dipendenti e un patrimonio di quasi $ 100 miliardi. Si occupano di assicurare le persone contro la morte e l’invalidità, il che significa che devono essere in grado di stimare quanto è probabile che persone di età diverse muoiano o diventino disabili. Se indovinano male, perdono un sacco di soldi. Si scopre che OneAmerica sta apparentemente perdendo soldi in questo momento, perché i lavoratori che hanno assicurato attraverso i loro datori di lavoro stanno cadendo come mosche, molti per non rialzarsi mai più.

 Nel 2019 hanno pagato $ 6 miliardi di crediti. Anche nel 2020, al culmine della pandemia, hanno pagato lo stesso importo – 6 miliardi di dollari – in crediti. (La maggior parte di coloro che muoiono erano piuttosto anziani o, a causa di condizioni mediche preesistenti, erano già ad alto rischio. Sia l’età che la salute sono già considerate nelle tabelle attuariali, quindi i pagamenti dell’azienda sono rimasti gli stessi.) Ma nel 2021, per ascoltare il CEO Davison, pagheranno molto, molto di più. Ciò che Davison ci ha detto durante la conferenza stampa è che le persone in età lavorativa assicurate dalla sua azienda muoiono a un tasso superiore del 40% rispetto ai livelli pre-pandemia. Ciò significa che per ogni 10 persone di età compresa tra 18 e 64 anni che sono morte ogni anno in passato, 14 sono morte nel 2021.

Ascolta il signor Davison spiegare quanto sia statisticamente improbabile: “Solo per darti un’idea di quanto sia grave [un aumento del 40%], una catastrofe da tre sigma o 1 anno su 200 sarebbe un aumento del 10% oltre pre-pandemia. Quindi il 40% è semplicemente sconosciuto”. In altre parole, ciò che sta accadendo non è solo una “catastrofe”, ma è un disastro inimmaginabile che gli attuari dell’azienda, anche nei loro peggiori incubi, non hanno mai previsto. I tassi di mortalità normalmente non variano molto di anno in anno. Apparentemente altri nel settore assicurativo stanno assistendo allo stesso insolito aumento dei sinistri. Per Davison: “Stiamo assistendo, in questo momento, ai tassi di mortalità più alti che abbiamo visto nella storia di questo business, non solo in OneAmerica. I dati sono coerenti tra tutti gli attori di quell’attività”. Un rapido controllo di alcuni dei concorrenti di OneAmerica conferma le affermazioni di Davison. Prudential ha pagato l’87% in più di prestazioni in caso di morte nel terzo trimestre del 2021 rispetto al terzo trimestre del 2020. Le richieste di risarcimento Pacific Life e Annuity sono aumentate di oltre l’80%. New York Life non scompone i suoi dati per trimestre, ma al 30 settembre 2021 aveva pagato il 27% in più di indennità in caso di morte rispetto al 2020. La maggior parte dei decessi in eccesso si è verificata negli ultimi due trimestri dell’anno, che vale a dire, dopo il lancio dei vaccini. E le brutte notizie non finiscono qui. Davison ha anche affermato che la sua azienda stava assistendo a un “aumento” delle richieste di invalidità sia a breve che a lungo termine, affermando che inizialmente si trattava principalmente di richieste di invalidità a breve termine, ma negli ultimi tempi l’aumento è avvenuto nelle richieste di invalidità a lungo termine. “Per OneAmerica, prevediamo che i costi saranno ben oltre i 100 milioni di dollari, e questa è la nostra attività più piccola. Quindi sta avendo un enorme impatto su questo”, ha detto.

Nella stessa conferenza stampa in cui ha parlato Davison, Brian Tabor, presidente dell’Indiana Hospital Association, ha affermato che gli ospedali di tutto lo stato sono stati inondati di pazienti “con molte condizioni diverse”, concludendo che “purtroppo, la salute media di Hoosiers è peggiorata durante la pandemia”. In una telefonata di follow-up, Tabor ha affermato di non aver avuto un guasto che mostrasse le condizioni o i disturbi per i quali così tante persone nello stato erano ricoverate in ospedale. Ma ha confermato che il tasso di mortalità straordinariamente alto riportato da Davison corrispondeva a quello che stavano vedendo gli ospedali dello stato. Ignorando la situazione del vaccino COVID nella stanza, sia Davison che Tabor hanno affermato di non avere idea di cosa stia causando questo enorme aumento dei tassi di mortalità tra individui in età lavorativa che sono sani. Ma Davison, da parte sua, sembra aver escluso qualsiasi collegamento con i vaccini, per giudicare dal suo recente dictat a tutti i suoi dipendenti che devono essere vaccinati. Immagino che l’azienda pagherà alcuni reclami presentati dai propri dipendenti nel prossimo anno. Qualunque cosa ci sia dietro questo tsunami di morti, non sembra provenire dal COVID stesso. I decessi per COVID in India hanno raggiunto il picco di 125 il 29 dicembre 2020. Il bilancio giornaliero più alto delle vittime nel 2021 è stato di 58 il 14 dicembre 2021. E come ha riconosciuto lo stesso Davison, la maggior parte delle richieste di risarcimento assicurative presentate non indicano Covid come causa di morte.

Davison incolpa questo su un reporting: “Quello che i dati ci stanno mostrando è che i decessi che vengono segnalati come decessi COVID sottovalutano notevolmente le effettive perdite di morte tra le persone in età lavorativa a causa della pandemia. Potrebbe non essere tutto COVID sul loro certificato di morte, ma i decessi sono solo numeri enormi.

Il suggerimento che i casi di COVID e i decessi possano essere sottostimati non ha senso. Semmai, i decessi per COVID sono significativamente sovrastimati. Il CDC e altre agenzie governative hanno compiuto enormi sforzi per garantire che il COVID sia elencato come causa di morte sul maggior numero possibile di certificati di morte. Quindi, se stiamo assistendo a un numero maggiore di morti in eccesso tra i giovani e i sani che in qualsiasi momento, ad esempio, dall’influenza spagnola del 1918-1919, ci deve essere un nuovo pericoloso agente patogeno a piede libero. E deve aver colpito, curiosamente, non molto tempo dopo il lancio dei nuovi vaccini mRNA. Questo nuovo patogeno non solo porta alla morte per un’ampia varietà di cause, ma provoca un’altrettanta ampia varietà di disabilità, dalla cecità unilaterale all’emiparesi. Questa ampia varietà di disabilità, come sottolinea Steve Kirsch, “… esclude il cibo o gli agenti patogeni presenti nell’aria.

Prendo atto che la varietà delle cause di morte è coerente con l’ampia gamma di eventi avversi causati dai vaccini COVID”. La frase chiave qui è “…. causato dai vaccini COVID”. Utilizzando una terapia genica sperimentale in una campagna di vaccinazione di massa illegale e senza precedenti, potremmo aver scatenato quello che il dottor Robert Malone chiama un “evento di massa” senza paralleli nella storia recente. Commentando il rapporto sull’India, Malone ha detto: “Sta iniziando a sembrarmi come se il più grande esperimento sugli esseri umani nella storia registrato sia fallito. E, se questo rapporto piuttosto secco di un alto dirigente assicurativo sulla vita dell’India è vero, allora la spinta di Reiner Fuellmich “Crimini contro l’umanità” per convocare nuovi processi di Norimberga inizia a sembrare molto meno donchisciottesco e molto più profetico”.

 Questa non è la prima volta che un vaccino pericoloso viene lanciato in una campagna di vaccinazione di massa. La grande bufala dell’influenza suina del 1976 a cui dedico un capitolo nel mio prossimo libro sulle pandemie ha seguito esattamente la stessa traiettoria. I politici e il pubblico furono inizialmente spinti a credere che fosse in arrivo una ripresa dell’influenza spagnola. Le aziende produttrici di vaccini hanno quindi prodotto rapidamente decine di milioni di dosi di un vaccino su contratti governativi con la promessa che sarebbe stata concessa loro l’immunità dalla responsabilità. La peste promessa non si è concretizzata, ma 50 milioni di americani sono stati vaccinati prima che le vaccinazioni venissero annullate. A quel punto, 32 persone erano morte e migliaia erano state ferite dal vaccino. Abbiamo di gran lunga superato quel numero. Ciò è indicato dalle decine di migliaia di segnalazioni presentate al Vaccine Adverse Effects Reporting System (VAERS) in merito ai prodotti iniettabili COVID-19.

L’ultimo aggiornamento di VAERS, ad esempio, mostra 12.180 segnalazioni di disabilità. Dal momento che solo una piccola parte degli effetti collaterali negativi viene effettivamente segnalata – credo che il fattore di segnalazione sotto (URF) sia di circa 41 – il numero effettivo di persone disabili è di circa 500.000 – e cresce di giorno in giorno. E ti chiedi perché ci sono segni di ricerca di aiuto ovunque? Quanti altri americani devono morire o essere disabili prima che le campagne di vaccinazione vengano sospese fino a quando non scopriremo cosa sta realmente succedendo? I vaccini stessi sono responsabili?

Come ha affermato il dottor Malone nel discutere la possibilità che si tratti di un problema di massa correlato al vaccino: “Spero di sbagliarmi. Ma temo di avere ragione”.

Fonte. https://www.lifesitenews.com/

lascia il tuo commento

Notizie correlate