Gaudium news > La Marcia francescana 2022 e l’indulgenza plenaria

La Marcia francescana 2022 e l’indulgenza plenaria

Un cammino di due giorni aperto ai giovani. A piedi verso Assisi.

 

La marcia francescana è un percorso a piedi adatto ai giovani dai 18 ai 32 anni, che si impegnano a fare spazio dentro di se, sentendo la loro interiorità raggiungendo a piedi la meta di Assisi. E’ un modo per potere ascoltare se stessi e fare spazio nel proprio cuore .

Ogni anno la marcia francescana coinvolge migliaia di giovani da tutta Europa.

La marcia nella pratica, è un viaggio a piedi , un lungo itinerario che coinvolge alcune parti d’Italia, la sua meta è raggiungere Santa Maria degli angeli ad Assisi, il 2 agosto per potere vivere la festa del perdono.

Questo giorno è stato istituito da san Francesco nel 1016

 

Alcuni consigli su come prepararsi

Prepara il tuo cuore – bisogna liberarsi dalle sicurezze conquistate per sentirsi pellegrino e straniero;

Prepara i tuoi piedi – scarpe comode per potere allenare il corpo ad un cammino lungo e faticoso;

Soste e pernottamenti – Gli alloggi per riposare saranno di fortuna come conventi, scuole, parrocchie ecc..

Cosa portare? – Portare uno zaino, cappello, posate, tazza, materassino ecc…

Il perdono d’Assisi

Alcune condizioni per ottenere l’indulgenza plenaria nella festa del perdono d’Assisi:

  1. confessarsi, per ottenere il perdono dei peccati;
  2. fare la comunione eucaristica, per essere spiritualmente unito a Cristo;
  3. pregare secondo le intenzioni del Papa, per rafforzare il legame con la Chiesa, recitando almeno Padre nostroAve MariaGloria al Padre;
  4. recitare il Credoe il Padre nostro;
  5. visitare una chiesa o oratorio francescano o, in alternativa, una qualsiasi chiesa parrocchiale.

Confessione e comunione possono essere fatte anche alcuni giorni prima o dopo le date previste (nell’arco di 8 giorni).

La visita e la preghiera è opportuno che siano fatte lo stesso giorno.

L’indulgenza plenaria può essere richiesta, una volta al giorno, per sé o per i defunti.

lascia il tuo commento

Notizie correlate