Gaudium news > Massimo Coero Borga “Dio mi fido di Te, prendi la mia vita e guidala Tu”

Massimo Coero Borga “Dio mi fido di Te, prendi la mia vita e guidala Tu”

Una testimonianza di rinascita nella fede, dalle tenebre del peccato all’amore di Cristo che illumina attraverso i suoi carismi, i cuori di tanti fratelli in Cristo.

Rita Sberna (10.01.2022 17:32, Gaudium Press) Massimo Coero Borga è un papà di 3 figli (Christian, Miriam e Samuele, l’ultimo arrivato di pochi mesi). E’ sposato con Sara dal 2015, la sua vita è cambiata una sera del 1994, quando ritrovandosi su una collina del suo paese, rivolgendosi a Dio ha detto: Dio mi fido di Te, prendi la mia vita e guidala Tu”.

Massimo prima della conversione, ha vissuto per molti anni distante da Cristo facendo esperienze che lo hanno condotto anche nel mondo dell’occulto. Ma poi nella sua vita incontra il Rinnovamento nello Spirito, e grazie ad esso, oggi Massimo travolge le anime attraverso i carismi che Dio gli ha donato.

Il passato di Massimo: nel mondo dell’occultismo

Massimo prima della conversione dice di “aver fatto tanto del male” a livello affettivo, andava 5 volte a settimana in discoteca, giocava a biliardo e d’azzardo. Le sue sere erano dedicate al mondo. Massimo si è ritrovato ad avere due fidanzate nella stessa discoteca una sera, ed è fuggito con una terza ragazza.

Egli cercava la “felicità” su qualcuno o sul lavoro. La vita per lui era un appagarsi, era semplicemente un uomo che voleva fuggire dai suoi dolori, immergendosi anche nell’alcool; aveva anche delle amicizie distorte che poi lo hanno portato a frequentare il campo dell’occultismo e dell’esoterismo (la lettura delle carte, la lettura della mano e frequentava una signora che praticava la scrittura automatica).

Massimo arriva a toccare il fondo quando conosce un GURU, un uomo affascinante che era in grado di leggere la mente e di prevedere anche il futuro, un giorno lo guardò e gli disse “Tu sei un eletto”.

Così inizia a frequentarlo, il GURU diceva di avere un contatto con Dio ma non era quel Dio che noi conosciamo ma il dio dei piani di sotto.

Una sera il GURU gli propone di fare un’iniziazione in modo da potere fare di lui un “templare”. Massimo quella sera si fida e va con lui verso una collina. Prima di recarsi sulla collina, il GURU lo invita a fermarsi al bar e gli fa bere due whisky (che stranamente non gli fecero effetto).

Sicuramente qualcuno stava già pregando per lui, cosa molto particolare qualche mese prima, Massimo aveva incontrato una signora del Rinnovamento nello Spirito che in spiaggia gli aveva parlato di Dio.

Tornando a quella sera, Massimo si reca sulla collina insieme a quel GURU, arrivati nel luogo, l’uomo gli diede un coltello in mano (il Guru disse che lo aveva caricato di energia). Anche il Guru prese un altro coltello che era il doppio di quello di Massimo e fu a quel punto che Massimo disse nel cuore a Dio “Dio qualsiasi cosa succeda, confido in te”.

Qualcosa successe effettivamente nel momento in cui il Guru cominciò a parlare in una strana lingua. Il Guru arrabbiato chiese a Massimo di riportarlo a casa perché qualcosa non funzionava.

Dopo qualche settimana Massimo incontra un sacerdote col quale si è confessato, ricevendo successivamente anche preghiere di liberazione (visto alcune cose strane che succedevano durante le notti). Infatti Massimo cominciò ad avere disturbi spirituali, addirittura la notte sentiva delle voci, non riusciva a parlare ecc..

Dopo qualche anno Massimo incontra il Rinnovamento nello Spirito e la sua vita comincia a prendere forma nel Signore.

Il sogno di Massimo

Nel 1998 (dopo che già era passato qualche anno dalla sua conversione) arriva un segno forte in cui Dio gli fa capire che era chiamato a “portare la buona novella”, un impegno che dura tutt’oggi. Questo segno arriva tramite un sogno, durante una notte in cui Massimo attraverso di esso vede una nave e su a bordo dei bambini con delle donne. Il mare era in tempesta e queste persone gridavano dicendogli “Massimo aiutaci!”. In quel sogno Massimo vede altri segni che gli fanno capire che doveva vivere anche di provvidenza. Raffrontando la Bibbia, Massimo è venuto a conoscenza delle vedove, degli orfani e dei poveri e capisce che erano quelle, le anime, che doveva aiutare. Ma solo dopo anni riuscirà a dare un significato profondo e concreto a quel sogno.

 “Il Crocifisso Risorto”

Nel 2020 Massimo fonda il progetto “Il Crocifisso Risorto” un ministero che tente a portare un po’ di conoscenza biblica e a far conoscere la Parola di Dio aiutando le persone a metterla in pratica. E’ un progetto che aiuta a pregare attraverso la preghiera carismatica; c’è anche il canale youtube dove si possono trovare un’infinità di cose e il sito internet dove vi sono dei percorsi da fare e chi vuole può lasciare una piccola offerta per sostenere il ministero.

Il Crocifisso Risorto tente a portare Cristo e a far fare esperienza di Dio alle persone.

www.ilcrocifissorisorto.it

lascia il tuo commento

Notizie correlate